Diritto umano all’autodeterminazione dei popoli e coesione sociale

Davanti allo scenario di un’Europa in lento e progressivo disfacimento e all’incoerenza che sottende questa politica scellerata voluta dai nuovi mandarini dell’alta burocrazia, della finanza e del fanatismo ideologico e settario, davanti a questo scenario non si può rimanere muti e complici. In particolare non si può tacere delle molte distorsioni perverse del potere che il potere stesso in questo caso sta edificando a suon di minacce, ricatti, invettive, lusinghe, decreti, insinuazioni, manipolazioni, propaganda e abusi.

Non si può in particolare tacere del fatto che tutto questo abbia comportato – fra le molte assurdità e sciagure (non vi è che l’imbarazzo della scelta!) – almeno due grandi mutilazioni che chiedono a gran voce giustizia.
La prima riguarda la frantumazione sociale laddove prima vi era coesione sociale, con tutte le ripercussioni sul piano individuale e collettivo. Non si può infatti difendere la tesi che si possano eliminare tutte le diversità culturali con “decreti napoleonici”. La vera via verso la coesione sociale è al contrario quella che favorisce la pacifica e condivisa (nel tempo) accettazione e assunzione delle differenze linguistiche, culturali, intellettuali, e psicologiche: condivisione frutto della maturazione storica naturale, non il frutto invece di imposizioni pianificate a tavolino ed calate dall’alto.
La seconda fa riferimento invece all’autodeterminazione dei popoli.
Principio inalienabile e cardine della buona convivenza e della pace feconda dei popoli e delle nazioni. Principio, anche questo, sempre più piegato al volere dispotico e deviato di pochi burattinai della finanza, della politica e della temibile quanto intoccabile casta dell’alta burocrazia targata UE.
Infatti l’ordine mondiale si basa contemporaneamente sulla sovranità degli Stati e sull’autodeterminazione dei popoli.
L’autodeterminazione dei popoli è un diritto che dalla maggior parte degli esperti in diritto internazionale è considerato come jus cogens, cioè come diritto internazionale obbligatorio.
L’articolo 1 del Patto dei diritti civili e politici e l’articolo 1 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali considerano il diritto all’autodeterminazione dei popoli come uno dei diritti centrali dell’ordine mondiale.
Termino qui. Ogni commento ulteriore sarebbe superfluo!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

Classe 1956, Medico, psicoterapeuta, docente, scrittore, editore. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This