TRACCE DI AMIANTO IN UNA CASA SU DUE IN TICINO

Articolo pubblicato oggi, 11 gennaio 2015, sul settimanale IL CAFFE
Gli esperti spiegano dove si annidano i rischi maggiori
Tracce d’amianto
in una casa su due
MAURO SPIGNESI
Un semplice buco con il trapano, la polvere delle ceramiche che vola via. E dalla nuvoletta originata dalla colla che tiene appese le mattonelle si sprigiona un grave pericolo. “Si chiama amianto, ed è presente, indicativamente, almeno nella metà delle case ticinesi”, spiega Markus Felber, geologo e uno dei periti riconosciuti dalla Suva e e dal Cantone per certificazioni e bonifiche di questo veleno, un materiale con cui si sono isolati muri, pavimenti, facciate, tetti, soprattutto negli anni Sessanta e Ottanta. “Riscontrare tracce d’amianto – precisa tuttavia Felber – non vuol dire automaticamente che si sia in presenza di un pericolo immediato. Bisogna vedere dove si trova, fare una valutazione attenta, professionale, e capire quali sono i rischi per le persone. Certo, se si tratta di edifici pubblici, gli enti proprietari hanno il dovere morale di intervenire”. Dagli anni Ottanta in Ticino è cominciata una lunga lotta contro questo veleno annidato nelle abitazioni private. Ma anche nelle scuole. Un problema ancora aperto e rilanciato recentemente dal capogruppo Udc Orlando Del Don, che ha chiesto, in un’interrogazione, una nuova istantanea partendo dai lavori alle medie di Giubiasco. Del Don ha domandato al governo a che punto è “la campagna di analisi e verifiche della situazione negli altri edifici scolastici cantonali in cui si presumeva che durante la costruzione fossero stati usati materiali contenenti amianto”.
Una mappatura reale e precisa, tra edifici pubblici e privati, non esiste. Esiste però ormai da tempo la Rete InfoAmianto che fornisce una informazione dettagliata a imprese, proprietari e inquilini delle abitazioni. “Noi siamo a disposizione per orientare e dare assistenza in prima battura a chi sospetta o scopre d’essere davanti a situazioni di pericolo”, spiega Nicola Solcà, coordinatore per l’Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo, di Rete InfoAmianto. “Quando ci si trova davanti a questo materiale bisogna fare molta attenzione – aggiunge Solcà – perché occorre agire con regole e precauzioni precise, non possono farlo tutti”. Tanto che in Ticino attualmente ci sono sei imprese specializzate, certificate dalla Suva e dal Cantone, che devono notificare a questi enti l’inizio di bonifiche particolarmente impegnative .
“Quando noi facciamo una perizia, e su una media di dieci otto sono positive, spieghiamo dove si trova l’amianto e cosa bisognerebbe fare – aggiunge Markus Felber – poi alla fine dei lavori ritorniamo nel cantiere per certificare che tutto sia stato fatto regolarmente, rispettando le disposizioni”. Disposizioni che puntano, oltre a limitare i rischi per le persone che vivono accanto al cantiere, anche per gli stessi operai che devono indossare speciali tute e seguire un preciso protocollo d’intervento. “In questi anni è cresciuta una certa sensibilità – aggiunge Solcà – sono nate specializzazioni per il personale, sono arrivati nuovi materiali e sono state create discariche per smaltire in maniera appropriata i veleni”. Operazioni che costano. E che molti, in particolare i proprietari di abitazioni che poi offrono in affitto, tendono a realizzare in economia, magari chiamando un artigiano generico. Un errore. Anche la Catef, la Camera fondiaria, ha raccomandanto di non farlo.
È intervenuta anche la Commissione partitetica, invitanto alla prudenza e all’attenzione. “Oggi in Ticino sono aumentate competenze e professionalità, e noi abbiamo lavorato sul fronte della sensibilizzazione e delle regole”, spiega Roberto Dotti, direttore dell’agenzia Suva di Bellinzona. La Suva, in qualità di organo di controllo, si occupa preliminarmente di prevenzione e infortuni, è uno degli enti, con Rete InfoAmianto, ai quali ci si può rovolgere in prima battuta. “Noi – conclude Dotti – offriamo una consulenza globale”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

Classe 1956, Medico, psicoterapeuta, docente, scrittore, editore. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This