Sull’assassinio di Adeline – “La più stupida di tutte le frasi” – bell’ articolo di Bettina Weber

Art. Ripreso da Ticinolive:

Mentre attendiamo trepidanti gli sviluppi della vicenda, inganniamo il tempo traducendo dal tedesco questo notevole articolo (Tagi).

La frase che in simili casi ricorre sistematicamente – pronunciata da politici, psicologi, giuristi, eccetera – è la seguente: “La sicurezza assoluta non esiste!” L’atteggiamento che sta dietro la frase è insopportabile tanto quanto la frase stessa. E non solo perché trasforma le vittime e i loro familiari in “danni collaterali” del sistema. Soprattutto perché la frase è anzitutto insopportabilmente cretina. Non si tratta infatti di criminali che delinquono per la prima volta, per cui non si può ragionevolmente affermare che nessuno poteva sapere quanto fossero pericolosi.

Con il rischio dobbiamo necessariamente convivere. Ma NON con il rischio costituito da uomini gravati da precedenti assolutamente univoci, uomini che hanno perpetrato le più gravi violenze, che hanno ucciso o violentato, che hanno distrutto vite e famiglie. A costoro i terapeuti hanno prestato orecchio per ore e giorni interi, al fine di redigere chilometrici certificati che sono, per così dire, compilati “dal sistema”.

Ma il sistema non funziona. Altrimenti Pasquale, Lucie, Marie e Adeline sarebbero ancora vive, così come il piccolo Florian, 4 anni, che tre anni or sono fu assassinato dal suo stesso padre, pregiudicato, in un hotel di Winterthur. Uno stato deve diffondere un messaggio chiaro: la violenza non è tollerata, e, anzi, è attentamente sorvegliata. Ha il dovere in preoccuparsi in ogni caso della protezione di potenziali vittime. E non può – poiché gli autori di gravi violenze infrangono i diritti più sacri della persona – applicare ad essi le stesse regole che applicherebbe a un truffatore o a uno spacciatore. Non può semplicemente fare un esperimento per verificare come questi criminali, lasciati parzialmente liberi, si comportino. Magari bene (e allora gli esperti si danno vicendevolmente pacche sulle spalle) oppure male, ed è allora il momento di argomentare: non esiste sicurezza assoluta!

Ma dev’essere massimizzata, questa sicurezza. Poiché una società ha il diritto (e, aggiungiamo, il dovere; ndR) di difendersi da questi criminali violenti. Uno stato che non lo fa, che addirittura tollera un sistema che causa la morte di vittime innocenti, non può definirsi civile.

Bettina Weber

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

Classe 1956, Medico, psicoterapeuta, docente, scrittore, editore. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This