Morti inspiegabili e improvvise? Quante le domande … e quante le responsabilità della società per queste morti annunciate!

Oggi ho saputo della tragica morte della figlia di Bob Geldof. Un dramma esistenziale che mi ha molto colpito e mi ha fatto riflettere sul rapporto genitori-figli, sulle sofferenze inenarrabili che molti, troppi giovani, si portano addosso nella più totale solitudine e smarrimento, sui consumi disinvolti di alcool e droghe di una società spesso permissiva e indifferente, sulle cure e sulle richieste di attenzione e amore che questi atti sottendono e reclamano e sulle inquietanti quanto pressanti tentazioni alle quali sono esposte queste persone particolarmente fragili e sensibili, in particolare per quanto riguarda certe “organizzazioni”, “associazioni” e “gruppi” che approfittano dello stato psichico e dei bisogni di attenzione e sostegno di queste persone.
Emblematica la storia di questa giovane donna, Peaches, 25 anni e due bambini, riportata sulle pagine del Corriere della Sera di oggi 8 aprile 2014.
” “L’ultimo messaggio è di domenica, “Io e la mia mamma”. Una vecchia foto rilanciata ai 193 mila seguaci su Twitter. Peaches, biondissima, in braccio a Paula Yates, la mamma, prima che una overdose di droga, nel 2000, gliela portasse via. Aveva appena 11 anni, Peaches, e ne rimase sconvolta. La sua vita segnata per sempre. La sua vita turbolenta, violenta. Triste e eccessiva. Figlia di una star della musica e dell’attivista politico, Bob Geldof. Figlia di una famosa giornalista televisiva e scrittrice. Figlia di un mondo subdolo che ti divora. Un mondo che da un momento all’altro ti crolla addosso e ti travolge. Con la cocaina, l’eroina, gli allucinogeni, l’alcol che ti ballano intorno e nel corpo. L’esistenza di Peaches è sempre stata così da quando rimase orfana. Intelligenza brillante ma tormentata, ambigua, condizionata da ombre e fantasmi del presente e del passato. E la fine di Peaches non può che essere misteriosa. Sola, in una casa del Kent. Spenta per sempre. Dopo quel suo ultimo ricordo della mamma. Omicidio o suicidio o un colpo fatale. La polizia lo tratta come un caso di “morte inspiegabile e improvvisa”. La sintesi delle sue sofferenze, Peaches, l’aveva realizzata nel novembre 2012 in un’intervista all’edizione inglese della rivista ELLE. “Ricordo benissimo il giorno in cui mia madre morì. È difficile parlarne. Non riuscii a tirare fuori una lacrima, non riuscii a esprimere alcun dolore. Rimasi intorpidita, bloccata. No, non sono arrabbiata con lei. Non l’accuso. La capisco”.
Aveva cominciato presto a scrivere la sedicenne Peaches, per prestigioni quotidiani e settimanali. Irriverente e timida aveva abitato a Chelsea, il quartiere dei VIP, ma scappò presto, allontanandosi dal padre Bob Geldof col quale aveva un rapporto in chiaroscuro, e trovando una sua strada: la televisione e le sfilate di moda. Gli onori, i titoli, le feste. “E le droghe, ogni tipo di droga”. Oltre che l’alcool. “Sempre ricordando ciò che era accaduto a mia madre”.
Nella vita di Peaches erano poi entrate altre ossessioni: il fanatismo religioso, l’occultismo e il satanismo.
Si era fatta coinvolgere nella SETTA DI SCIENTOLOGY e si era trasferita nel loro quartiere generale a Los Angeles.
Poi si era staccata da Scientology e si era tatuata sul braccio l’acronimo “O.T.O”, ovvero “Ordo Templi Orientis”, l’Ordine del Tempio di Oriente, un’organizzazione “iniziatica” che si definisce religiosa e che è registrata in California dal 1979 ma che si ispira all’esoterismo di Aleister Crowley, uno dei fondatori del moderno satanismo, ambiguo “guru di anime” dell’inizio e metà Novecento. Per molto tempo Peaches aveva tenuto nascoste queste sue passioni o deviazioni. Poi si era confessata. Ancora una volta su Twitter. Lo scorso anno e sempre con una foto, il tatuaggio. E aveva provocato scandalo invitando i suoi 193 mila seguaci ad andarle dietro nell’ “Ordo Templi Orientis>”.”
Un articolo ben fatto questo, a firma Fabio Cavalera, che ci deve far riflettere!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

Classe 1956, Medico, psicoterapeuta, docente, scrittore, editore. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This