Potevano scegliere

Ad un anno dalle elezioni cantonali i partiti si stanno attivando, talvolta in modo convulso, per prepararsi all’evento. I partiti, ma anche tutta una serie di personaggi che stanno facendo del “piccolo cabotaggio” per prolungare la loro permanenza ad oltranza sulla ribalta politica, dopo alterne fortune e fantasiosi approdi su lidi di ogni tipo e colore! In questo loro scomposto sgomitare questi appaiono cionondimeno molto lucidi e determinati nel suonare con non poca bravura – bisogna ammettere – il loro “flauto magico” e offrire in tal modo la loro rassicurante melodia a tutte le orecchie disposte ad ascoltarli. Orecchie tanto più propense ad accogliere queste rassicuranti melodie quanto più preoccupate di raccogliere nuovi consensi ed orizzonti di gloria. La qual cosa, a ben guardare, potrebbe anche essere divertente ed interessante da osservare (e in tal senso mi ci ritrovo grazie alla mia indole curiosa) con l’occhio dell’antropologo o del sociologo interessato al folklore nostrano.

Ma il sorriso scompare presto quanto ci si rende conto che qui non si tratta di dotte disquisizioni accademiche quanto invece del nostro destino, del nostro futuro e del nostro benessere unitamente a quelli del nostro Paese.

Detto ciò non sono e non posso evidentemente essere sereno se confrontato allo scenario che mi si prospetta, tenuto conto anche della storia recente della politica e della partitica democentrista del nostro Cantone. Mi scuseranno coloro che si sentono, forse anche ingiustamente, presi di mira, ma questo – si dovrà pur convenire – va ora detto: la preoccupazione in tal senso non può più essere risolta con qualche rito scaramantico o con la speranza che tutto si sistemerà per una sorta di intervento superiore, divino, magico!

Con il mio post di qualche giorno fa al quale si fa riferimento in questa intervista io ho voluto semplicemente tentare di riportare il campanile al centro del villaggio; e cioè tentare di istillare un po’ di buon senso, di senso di responsabilità e – non da ultimo – di senso del ridicolo a chi detiene le file del partito. Eh sì, perché il partito non è di qualcuno o di qualsiasi individuo che si voglia appropriare impunemente della sua storia, della sua natura, della sua funzione e ragione di essere, bensì – è bene precisare – questo partito è di tutti coloro che si sono identificati e sacrificati in suo nome e per il bene del nostro Paese e di tutti i suoi cittadini.

A scanso di equivoci vado a concludere facendo ora una osservazione sulla mia persona. Io sono un cittadino qualunque e quindi non ho alcuna pretesa di rappresentare nessuno, anzi, io non sono nessuno e sono peraltro lucidamente consapevole del mio ruolo marginale sul piano politico e politico (sono infatti un “trombato” che è stato messo fuori dai giochi politici alle ultime elezioni cantonali, assieme al segretario cant. del partito Eros Mellini), come pure su quello più prettamente sociale ed intellettuale (non ho alcuna pretesa in tal senso).

Cionondimeno, e con tutta la consapevolezza e l’umiltà del caso, ritengo di non essere totalmente privo di capacità critica e di lettura delle vicende che toccano il mio e nostro orizzonte esistenziale e politico. Con ciò mi si vorrà quindi perdonare se termino questo mio intervento con un ultimo appello per il quale mi permetto di salire sulle spalle di un gigante della politica come Winston Churchill e ricordare qui le sue parole profetiche a proposito di un evento ben più importante, significativo e gravido di conseguenze del nostro (e puntualizzando il fatto che nel nostro caso il pericolo da temere non è certamente da ravvisare nel sottoscritto – che non conta nulla – quanto invece nel popolo sovrano che si sente tradito e disatteso nelle sue giuste aspettative, il popolo – quindi – la gente, gli elettori che meritano tutto il nostro impegno e rispetto e la nostra capacità di operare in loro difesa e in loro nome). Cito: “Potevano scegliere tra il disonore e la guerra; hanno scelto il disonore ed avranno la guerra”.

Dr. med. Orlando Del Don

Presidente della sezione UDC di Bellinzona, Consigliere comunale a Bellinzona
Già Gran Consigliere UDC (trombato), già capogruppo UDC in GC, già vicepresidente cantonale UDC, già presidente del Distretto UDC di Bellinzona e Valli.

1 commento

  1. Team

    Dopo tutto, bisogna riconoscre a questo Trombato al vertice del Vaticano cher un progresso l”ha fatto: fino a ieri diceva che dio prende tutti con sé, a prescindere, anche i non credenti in lui, anche gli Scalfari, usi all” INCONTRO solo col loro IO , perchè dio è di natura sua affetto da misssericordia oltre ogni limite, anche quelli della decenza. oggi invece riconosce che per essere ammessi alla sua presenza dio richiede il pentimento”: quanto alle anime peccatrici senza pentimento, beh, queste non temano, esse SPARISCONO semplicemente, oplà, come ciuffi di nuvola al sole. Che cosa sia poi il peccato che le fa peccatrici, ce lo dirà più avanti, perchè non sappiamo bene ( o lo sappiamo già) che cosa lui intenda per peccato: non lavare i piedi ai puzzoni suoi migranti, ché lo sporca inquina e la Natura patisce e s” offende? (Scusate se insisto, ma questo magistero è davvero incalcolabile Mi piacerebbe sentire il parere degli esperti come don Curzio.) http://abracadabravideo.com/

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

 

Chi Sono

Classe 1956, psichiatra, psicoterapeuta, manager, docente, politico. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...
Read More

Una società allo sbando? Le nuove leadership internazionali e l’impotenza/impostura della politica attuale

Ovvero, mettiamo un freno alla deterritorializzazione del diritto per un recupero della nostra sovranità nazionale.   L’ordine internazionale...
Read More

Seminario formativo “Il ruolo della psichiatria nel processo penale”, iscrizioni aperte

Sono aperte le iscrizioni al seminario formativo, aperto a tutti, "Il ruolo della psichiatria nel processo penale". Di seguito alcune informazioni:...
Read More

“Romanza senza parole”, per parlare di Alzheimer

Anche se l'evento si è appena svolto, è mio piacere pubblicare quest'articolo uscito il giorno stesso dell'evento, che ne ha raccolto pienamente il...
Read More

Romanza senza parole, monologo con l’Alzheimer: il mio intervento per contribuire al dibattito

Da non perdere l'appuntamento di Venerdì 14 Settembre 2018, presso l'Auditorium Comunale di Maccagno (clicca qui per visualizzare la mappa), in cui...
Read More

LUDeS, Campus di Lugano: incarico di docenza per il Dr. Med. Orlando Del Don

Il Dottor Med. Orlando Del Don è stato incaricato della docenza in PSICHIATRIA E NEUROLOGIA  nel Corso di Laurea in Fisioterapia. Medico psichiatra...
Read More

Quale teoria dell’uomo (o concezione dell’uomo)?

In medicina - ma non solo - si stanno presentando sempre più tanti e tali problemi che sembra oramai arrivato il momento di porsi la questione di...
Read More

Sir John Eccles, una fondazione ticinese per ricordarlo e proseguirne l’opera

John C. Eccles nasce a Melbourne nel 1903, si laurea in quell'università nel 1925, passa a Oxford dove rimane fino al 1937 sotto la guida...
Read More

La filosofia clinica ci salverà – Seminario aperto a tutti

La filosofia clinica ci salverà - Seminario aperto a tutti Flamingo School for Life (FSfL), Bellinzona. Direttore didattico: Dr. Med. Orlando Del...
Read More

L’opera infinita di costruzione della nostra identità

Mettetevi tutti il cuore in pace, la nostra identità è narrativa: noi ce la raccontiamo in continuazione, diversamente da quanti credono invece di...
Read More

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This