Lettera aperta di Giovanni Maria Staffieri ai dirigente UDC

LETTERA APERTA Di GIOVANNI MARIA STAFFIERI AI DIRIGENTI UDC
Leggo oggi sul “Mattino” la lettera aperta dell’amico Staffieri ai Dirigenti dell’UDC Ticino dal titolo eloquente “Rompere con la Lega? Gli effetti si vedranno alle elezioni cantonali”.
Sono profondamente dispiaciuto per l’amarezza che traspare dalle parole dell’amico Staffieri, persona che stimo e continuerò a stimare, e dalle sue decisioni.
Ciò nondimeno vorrei qui mettere in evidenza tre aspetti di peso.
Il primo e’ che questi dissapori sia interni all’UDC che, più in generale, internamente all’area di centro-destra sono il segnale di vivacità e stimolo per tutti e anche inevitabili in prossimità delle politiche del prossimo anno: in quanto tali non dovrebbero sorprendere e preoccupare oltre misura.
In secondo luogo vorrei ricordare a tutti che i nemici nostri e del Paese sono ben altri e facilmente identificabili nei “sinistri”, nei radicali e a questi apparentati! Non e’ il caso quindi di perdersi in questioni di lana caprina come quelle emerse e/o legate a quanto detto (un po’ sopra le righe) nel corso della conferenza stampa in oggetto.
Da ultimo – ma non ultimo – devo complimentarmi con l’amico Staffieri per il suo monito; e cioè quando egli ribadisce giustamente e apertamente che la decisione dell’UDC di “correre da sola” si confermi poi effettivamente tale, perché ogni altro genere di avvicinamento sarebbe un inciucio inverecondo e fatale! Parole sante, che condivido e condividiamo tutti senza riserve!
Colgo l’occasione per ringraziare l’amico Staffieri per questo suo monito e raccomandazione e, parimenti, lo invito ad un ripensamento riguardo le sue scelte unitamente a un incontro a quattr’occhi che, oltre al piacere dell’amicizia e dell’arguzia, ci potrà dare nuove e interessanti spunti di discussione relativamente al futuro di questo nostro amato quanto bistrattato Cantone.

1 commento

  1. Pietro Righetti

    Sono dispiaciuto che un uomo di vera cultura UDC come il signor Staffieri abbia, sicuramente con proprio dolore, preso questa drastica decisione e si appresti a lasciare il SUO partito.

    Sebbene da una parte condivido i motivi che hanno spinto l'UDC Ticino a voler continuare da soli l'avventura, mi lascia amareggiato il segnale di questa attuale mancanza di dialogo costruttivo interno al mio partito, che invece ha sempre dimostrato di avere in passato.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

Classe 1956, Medico, psicoterapeuta, docente, scrittore, editore. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This