La mia candidatura per le elezioni federali: le ragioni, le motivazioni e gli obiettivi!

Le elezioni federali oramai imperversano per ogni dove! In mezzo a questo “bailamme” di candidati, partiti, strategie, slogan, dissidi, attacchi e “primi della classe” che inflazionano i canali mediatici ufficiali, i muri del Cantone e la posta dei cittadini, in questo bailamme dicevo, ho pensato di fare una riflessione pacata sulle ragioni, le motivazioni e gli obiettivi della mia candidatura al Consiglio Nazionale.

Come ho riportato anche nel video sollecitato e preparato per il GdP riporterò di seguito i seguenti passaggi: a) Che cos’è per me la politica, b) Come mai ho deciso di candidarmi per le federali, c) Quali saranno le mie priorità qualora venissi eletto a Berna.

A. Che cos’è per me la politica

La politica è la dimensione naturale dell’Uomo e per l’Uomo. La sola in grado di garantire le condizioni entro cui può realizzarsi la pienezza della vita umana, in senso non solo psicologico ma anche e soprattutto sociale e culturale.

In particolare la politica è anche uno strumento di conoscenza oltre che di costruzione di senso, consenso e condivisione.

Allo stesso tempo la politica rimette sempre e giustamente in discussione i suoi rapporti con l’etica, il diritto, i paradigmi sociali e culturali … come pure le ideologie, le stesse teorie politiche e – soprattutto – i pregiudizi che, inevitabilmente, rappresentano altrettanti elementi di incomprensione, ostacolo e tensione fra gli individui e nella società.

Essa – la politica – permette allora la composizione e l’elaborazione di argomentazioni intorno alla convivenza sociale e alla promozione sociale stessa, senza le quali non è possibile dare soluzioni ai conflitti che l’umana esistenza e l’umana convivenza portano con se per loro stessa natura.

B. Come mai ho deciso di candidarmi per le elezioni federali?

Ho deciso di candidarmi al Consiglio Nazionale perché profondamente deluso dai nostri rappresentanti a Berna, i quali si sono dimostrati opportunisti, succubi nei confronti dei poteri forti, spesso distratti dai loro interessi personali a scapito di quelli del Paese e, ancora, al traino o – per meglio dire – al soldo delle più potenti Lobby di interesse! Politici che non solo hanno tradito la fiducia loro accordata dai cittadini ma, peggio ancora, che hanno ripetutamente confermato nella pratica di non voler rispettare la volontà e le scelte democraticamente espresse dal popolo stesso!

Ma non solo. Ho deciso di candidarmi anche perché credo di avere le qualità, le competenze, l’esperienza, le conoscenze e il profilo psicologico adatto per poter assumere questo incarico e questo non facile compito.

C. Quali saranno le mie priorità qualora venissi eletto a Berna?

Senza esitare rispondo subito a quest’ultima domanda nel modo seguente.

  1. Porrei subito mano al dossier che concerne la politica degli stranieri, in particolare attraverso una rigorosa applicazione dell’articolo costituzionale “contro l’immigrazione di massa”
  2. Mi attiverei per porre finalmente fine al caos nella politica di asilo.
  3. Mi impegnerei per combattere tutti gli abusi in ambito sociale e nei riguardi delle assicurazioni sociali.
  4. Metterei poi subito in agenda tutte le misure per la Salvaguardia di una Svizzera indipendente, libera e sovrana e per il “NO alla strisciante adesione all’Unione Europea”.
  5. Proporrei e rivendicherei una maggior libertà economica, unitamente ad uno sfoltimento della burocrazia (meno Stato) e una minore ingerenza dello Stato nella vita del cittadino.
  6. Attiverei tutte le misure in favore della difesa, della tutela e della promozione della famiglia, del lavoro, delle Piccole e Medie Aziende (PMA) e della nostra Piazza finanziaria.
  7. Nella mia veste di medico mi vorrei impegnare nel trovare finalmente una soluzione all’annoso e insostenibile problema della salute (premi di cassa malati!), per il loro contenimento e ridimensionamento. Allo stesso tempo, l’altro capitolo di peso, sarà quello della qualità e dell’offerta sanitaria nel nostro Paese, gli studi di medicina per i nostri giovani e la questione LAMaL che oramai è arrivata al capolinea e che bisogna ripensare dalle fondamenta!

Dr. Orlando Del Don, Candidato al Consiglio Nazionale, Lista n. 2 (UDC), Candidato n. 4 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

Classe 1956, Medico, psicoterapeuta, docente, scrittore, editore. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This