Gli assicuratori malattia sempre più nel ruolo di investigatori e aguzzini?

Negli ultimi anni si è andato affermando sempre più, da parte di molti assicuratori, una pratica – alquanto discutibile e iniqua – consistente nell’assunzione da parte di questi di investigatori professionisti con tanto di pedinamenti, rilevamenti fotografici, filmati, ecc. all’insaputa dei loro assicurati.

Se per certi versi, e in casi particolari e puntuali, ciò può anche essere comprensibile, dall’altra la sua pratica indiscriminata solleva interrogativi e perplessità più che legittime.

In primis perché si da per scontato che vi sia allora un atteggiamento disonesto diffuso e insanabile da parte degli assicurati … percui tutti oramai sono passibili di essere sospettati e considerati a priori degli approfittatori. E questo è già un vero e proprio abuso in se, e una pregiudiziale che ostacola ogni possibile rapporto dialettico sereno fra assicurato e assicuratore! Ma non solo, spesso anche i medici che hanno i cura questi stessi pazienti sono passibili di essere considerati alla stessa stregua da parte degli assicuratori!

Tutto questo in un clima di sospetto e di caccia alle streghe esaspera e inasprisce non solo i rapporti con gli enti assicuratori ma, pure, gli stessi rapporti fra medico e paziente in generale. Un clima questo di stampo oscurantista che non fa onore né agli assicuratori stessi né alla nostra sanità e socialità, proprio perché profondamente e radicalmente iniquo e infondato nelle sue premesse!

La verità della sofferenza soggettiva dei pazienti viene quindi in questo modo  sempre più messa in dubbio, come pure sono messe in dubbio le diagnosi, le prognosi, le cure e le indicazioni dei medici curanti.

Questa nuova prassi assicurativa avviene però sempre – spiace dirlo – con la compiacenza se non la complicità di altri medici che si sono votati alla cosiddetta medicina assicurativa e che, pagati profumatamente dalle stesse compagnie di assicurazione, si prestano a contestare e mettere in dubbio molto spesso le opzioni e le decisioni dei vari medici curanti che si prodigano invece con competenza e serietà per assistere i loro pazienti.

Si tratta di una grave violazione, questa, dal punto di vista etico e deontologico, ma anche scientifico – di cui nessun parla! – in quanto, poi, il paziente stesso diventa l’alibi per promuovere tesi e argomentazioni che nulla hanno a che vedere con la sua malattia, la sua sofferenza, la sua assistenza, con le cure a lui più adatte e mirate e, non dimentichiamolo, con lo strumento centrale del curare che è la comprensione empatica del suo dolore e della sua sofferenza e che nella maggior parte dei casi non è mai completamente dicibile e tantomeno misurabile.

Questa deriva della nostra medicina meriterebbe infatti di essere messa in evidenza e studiata per poter tentare di trovare delle soluzioni che ridiano dignità e giustizia, come pure credibilità alla nostra medicina, alla sanità e socialità del Cantone. In caso contrario avremo allora perso non solo la nostra credibilità di medici e sarà inevitabilmente messa in scacco la stessa scienza medica, la società e la giustizia sociale del Paese.

Spiace constatare che il previsto simposio dell’Ente Ospedaliero Cantonale per i 10 anni della Commissione di etica clinica (COMEC) previsto il 12 e 13 settembre a Bellinzona non preveda fra i temi in discussione questa scottante problematica. Un’occasione mancata! Peccato.

Bellinzona, 16 agosto 2013

2 Commenti

  1. Rita

    Speriamo che tutte queste cose abbiano fine una volta per tutte, altrimenti non so proprio come andiamo a finire. C'è già un malcontento degli assicurati su tutto quello che si fa (anzi che non si fa)aspettiamo questo vertice sperando in bene

    Rispondi
  2. 93011agiracaraniagm

    Io che me ho fatto

    Ilio scopo in questi

    Sanno Perché' ho ricevuto la seguente risposta: Attenzione a parlare di furto! Il medico ha diritto di applicare, una tariffa adeguata alle possibilità' economiche dell'assicurato.Traduco io: ancora una volta paghiamo noi per i più' ricchi , costano di più e pagano lo stesso premio. Sitemi che non è più' così….. Poiarriva il corriere del Ticino, con Galli che ha fotocopiato l'editoriale di Pontiggia, diqualche settimana fa, a raccontar ci che: i global usti e i ricchi, come mecenati. Sostengono il peso delle finanze Cantonali. Dimenticando che il giorno prima avevano pubblicato la notizia dei nuovi poveri, e la statistica ufficiale( non la loro) della aliquota delle tasse Cantonali. Quindi è un partita persa…….auguri a tutti

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

...

Le false verità

...

“Romanza senza parole”, per parlare di Alzheimer

...

Romanza senza parole, monologo con l’Alzheimer: il mio intervento per contribuire al dibattito

...

Quale teoria dell’uomo (o concezione dell’uomo)?

...

“Romanza senza parole”, per parlare di Alzheimer

...

LUDeS, Campus di Lugano: incarico di docenza per il Dr. Med. Orlando Del Don

...

La filosofia clinica ci salverà – Seminario aperto a tutti

...

L’opera infinita di costruzione della nostra identità

...

Al circo gente, tutti al circo, lasciamoci incantare dal circo della politica!

...

Le false verità

...

Una società allo sbando? Le nuove leadership internazionali e l’impotenza/impostura della politica attuale

...

Riflessioni intorno al divenire dell’uomo di fronte alle nuove frontiere dell’Intelligenza Artificiale e della manipolazione genetica

...

Al circo gente, tutti al circo, lasciamoci incantare dal circo della politica!

...

“La crisi socio-economica in atto e le sue inquietanti ricadute psicologiche, esistenziali e culturali. Come uscirne?” – Bellinzona, 9 Giugno 2018

...

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

 

Chi Sono

Classe 1956, psichiatra, psicoterapeuta, manager, docente, politico. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Mia candidatura al Gran Consiglio

Simatissimo/a, Per l'ultima volta mi presento alle elezioni cantonali per un seggio in Gran Consiglio e, in tal senso, il mio impegno politico in...

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This