Riassumo di seguito l’articolo apparso oggi (3 luglio) sul Corriere del Ticino a firma Massimo Solari e intitolato:

Lega-UDC, congiunzione senza veti incrociati. L’intesa in vista delle elezioni federali di ottobre dovrebbe essere annunciata l’ultima settimana di luglio. Luce verde al democentrista M. Chiesa – Per gli Stati i leghisti accelerano e puntano su Battista Ghiggia.

In sintesi. Le trattative Lega-UDC proseguono e ora non sembrerebbero più essere di attualità i veti sui nomi dei candidati da mettere sulle due liste per il Nazionale. Al momento attuale da parte UDC – per quanto riguarda la Camera del Popolo – sul tavolo vi sono una decina di nomi che saranno all’esame della Direttiva il 7 luglio: fra questi, oltre all’uscente Pierre Rusconi, vi sarebbero anche lo stesso Pinoja, Marco Chiesa, Orlando Del Don, Tiziano Galeazzi e Lara Filippini.

“Per la  composizione definitiva da sottoporre al Comitato cantonale il 21 luglio sarà fatta una seleziona a cascata, e cioè tenendo conto del numero di voti raccolti alle cantonali” ha precisato Pinoja, che aggiunge “Come richiestoci dal presidente nazionale Toni Brunner vogliamo in effetti schierare la squadra più forte”.

Sul fronte leghista le riserve saranno per contro sciolte alla festa per il 1. Agosto. “Naturalmente puntiamo sui due uscenti (Pantani e Quadri)” ha rilevato Bignasca, aggiungendo che gli altri nomi sono in fase di valutazione.

Per la Camera Alta (Stati) si è fatto il nome (come anticipato da Teleticino) di Battista Ghiggia. L’UDC al proposito non si è ancora espressa. Nell’articolo in oggetto l’articolista riportava quanto ribadito ancora ieri da Pinoja in merito e cioè che “La condizione è che la persona prescelta sia anti-UE“.

Dr. Orlando Del Don, medico e psicoanalista, membro della Direttiva UDC

Pin It on Pinterest

Share This