Curarsi con i libri – Il mio intervento sul settimanale “Azione”

Ott 10, 2017 | Altro, Cultura e ricerca, Flamingo Edizioni, My Way Services, Psicoanalisi, psicologia, psichiatria, Rassegna stampa | 0 commenti

La biblioterapia (l’arte terapeutica che utilizza la lettura come mezzo per aiutare a combattere ansia, depressione ed altri disagi) è uno degli strumenti fondamentali dell’attività di My Way Services, che la utilizza nell’ambito dei suoi laboratori e del Day Hospital. A tal proposito, mi ha intervistato il periodico Azione. Ecco l’articolo integrale:

C’è qualcosa in grado di aiutare a guarire da disturbi diversi come ansia, depressione, aiutare chi è malato di tumore, ma anche dare una mano contro mal di testa e persino impotenza? Pare di sì. Non è un farmaco miracoloso, più banalmente, si parla di libri. Ebbene, la biblioterapia, è diffusa ormai da un secolo nei paesi anglosassoni. In Italia e in Ticino, fatica ad attecchire.

Nella vicina penisola, la psicologa Rosa Minnino, da noi contattata, ci ha spiegato di essere una pioniera e di aver voluto creare un sito internet per «promuovere la Biblioterapia come tecnica in psicoterapia, nei processi di crescita psicologica e culturale del singolo e dei gruppi. La lettura – precisa – è un potente strumento di crescita e cambiamento». Due inglesi,  Ella Berthoud e Susan Elderkin hanno pubblicato a tal proposito, guarda caso, un ricettario.

In Ticino, l’unico studio di psicoterapia e psichiatria che utilizza ufficialmente la biblioterapia è il My Way di Bellinzona, del dottor Orlando Del Don (psichiatra e psicoterapeuta): «Abbiamo ideato e strutturato da alcuni anni un progetto articolato che integra alcuni elementi in un tutto coordinato e dinamico. Da un lato l’Atelier di biblioterapia, dall’altro il Laboratorio (la scuola) di scrittura creativa e – dallo scorso anno – anche la Flamingo Edizioni, la nostra piccola casa editrice che vuole favorire e aiutare chi vuole pubblicare i propri lavori. Ce ne occupiamo io e un’operatrice con formazione in arteterapia unitamente a una scrittrice che si occupa di scrittura creativa, affiancata da noi».

Dunque, secondo Orlando Del Don, la biblioterapia funziona: «I libri da sempre hanno aiutato gli uomini a guarire. Questo è indubbio. Ma lo hanno sempre fatto con discrezione ed elargendo i loro doni e i loro benefici solo a coloro che li hanno desiderati con la costanza, la determinazione e la passione di un amante. In ambito psicologico e psichiatrico il loro aiuto può pertanto essere molto, molto importante. La discriminante in questi casi è data però dai terapeuti, i quali da una parte devono essere in grado di porre le indicazioni clinico-diagnostiche corrette e dall’altra devono saper interagire in modo creativo e incisivo sia con i loro pazienti che con il testo o i testi di volta in volta scelti o indicati».

Come sempre, dunque, niente «fai da te». Secondo la dottoressa Minnino questa tecnica sarebbe come un supporto e un compito a casa per il paziente. Viene da chiedersi se non si potrebbe correre il rischio di seguire l’esempio di un personaggio che risolve situazioni con soluzioni valide solo nel mondo letterario, dal momento che la lettura crea empatia e dunque immedesimazione. Secondo Del Don questo «pericolo non esiste quando si è seguiti da personale esperto in ambito psicologico, psichiatrico e psicoterapeutico e quando non ci si affidi a soluzioni estemporanee o a pratiche e offerte discutibili e/o supportate unicamente dalla buona volontà o dalle buone intenzioni ma avulse da esperienza clinica e da una formazione accademica in ambito psicologico, psichiatrico e/o psicoanalitico».

Parlare di un libro come rimedio per un malanno è di per sé limitativo, perché ogni caso deve essere analizzato e calibrato, non qualcosa di standard e meccanico (oltretutto, si deve tener conto del livello culturale di una persona). «Non è un mero strumento a sé stante che può essere applicato utilmente in assenza di un approccio pluridisciplinare; clinico, medico, psicoterapeutico e riabilitativo/integrativo», ammonisce il nostro interlocutore. Pensare di guarire i reumatismi con Italo Calvino, senza un approfondimento, come suggeriscono Berthoud e Elderkin, è quindi semplicistico, dietro la biblioterapia c’è molto più di un rimedio miracoloso.

Se è plausibilissimo che problematiche di tipo psicologico o psichiatrico siano indicate per questa terapia, resta un dubbio su come possa «funzionare» per quelle «fisiche». Ma scindere le due componenti, per Del Don, è errato: «Le neuroscienze dinamiche e, in particolare, la psicoanalisi ci ha permesso di capire il funzionamento dell’inconscio e in che modo esso – come formulato da Lacan – sia strutturato come un linguaggio. Questo implica fra le altre cose che noi siamo il nostro inconscio e che questo è il frutto delle nostre continue interazioni con la cultura, il sapere, la conoscenza… e la lettura. In altre parole noi siamo tutto ciò che abbiamo visto, udito, letto e immaginato, amato, desiderato. Siamo cioè ciò che siamo riusciti a formalizzare e a concepire grazie al linguaggio. Tutto quanto è rimasto invece inespresso, non enunciato, afasico, tutto ciò che è rimasto al di fuori del linguaggio si traduce e si trasforma prima o poi in sintomo, sofferenza, malattia, non solo psicologica e psichiatrica ma anche fisica».

Dunque, leggere aiuta anche per disturbi che, a prima vista, possono apparire non provenienti dalla sfera psicologica, un po’ come accade con la musicoterapia, per la quale secondo il nostro interlocutore vale lo stesso principio.

S’è parlato di lettura, ma anche la scrittura è spesso definita un’ottima valvola di sfogo. «Anche lo scrivere, ovviamente, aiuta: moltissimo» conferma Del Don. «Ci sono stati grandi autori che proprio grazie alla scrittura hanno trovato un aiuto essenziale, se non vitale, nella loro parabola esistenziale. Scrittori del calibro di Joyce, Gadda, Berto, Svevo, Dickinson, Carrol… l’elenco potrebbe essere lunghissimo! Il rapporto fra scrittura e biblioterapia è infatti stretto e molto, molto affine. Difficile pertanto separare in modo scolastico e artificioso queste due modalità di intervento in quanto possibili strumenti terapeutici». Da qui, appunto, l’idea di sfruttare queste tecniche nel suo centro.

In Ticino, per contro, non vi sono altri studi di psicoterapia che abbiano operatori con una formazione clinica e professionale riconosciuta e qualificata nel campo. Ciò non toglie che qualcuno, magari amante della lettura, non suggerisca qualche libro. Una tecnica a costo quasi zero, che coinvolge la sfera emotiva, aumenta la cultura e può anche curare: cosa chiedere di meglio, soprattutto per chi in compagnia di un libro perde il senso del tempo?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

 

Chi Sono

Classe 1956, psichiatra, psicoterapeuta, manager, docente, politico. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Curarsi con i libri – Il mio intervento sul settimanale “Azione”

La biblioterapia (l’arte terapeutica che utilizza la lettura come mezzo per aiutare a combattere ansia, depressione ed altri disagi) è uno degli strumenti fondamentali dell’attività di My Way Services, che la utilizza nell’ambito dei suoi laboratori e del Day...
Read More

Giornata Mondiale della Salute Mentale (10.10.2017) – Evento presso My Way Services

GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE MENTALE  2017 Convegno organizzato dal Centro Clinico Indipendenza (My Way Services) Via Lugano 2, 6500 Bellinzona (CH)   Il futuro della psichiatria, della psicoterapia e della psicoanalisi Scenari sorprendenti   Salone...
Read More

Funghi allucinogeni per guarire le depressioni più resistenti?

Ho preso atto di un progetto apparso in questi giorni sulla stampa internazionale e relativa ad una società farmaceutica con sede a Londra la quale avrebbe intenzione di testare sostanze allucinogene per il trattamento delle depressioni più resistenti. Un progetto,...
Read More

Ricerche e studi Il nostro sostegno agli studenti liceali interessati alla ricerca in ambito psicologico e clinico

In qualità di psichiatra e psicoanalista spesso mi capita di essere interpellato per seguire i lavori di maturità (LAM) da parte di studenti del Liceo di Bellinzona. Negli anni ne ho seguiti diversi. L’ultimo di questi è quello di una bravissima studentessa che ha...
Read More

Un importante riconoscimento

Importante riconoscimento professionale per il Dr. med. Orlando Del Don, Presidente e direttore della MY WAY Services SA. L'Istituto svizzero per la formazione medica postgraduata e continua (ISFM fmh) il mese di maggio 2017 gli ha conferito  il certificato federale e...
Read More

Intervista al Dr. med. Orlando Del Don Medico, docente, ricercatore, politico

Viene riportata di seguito una mia intervista pubblicata su Ticino by Night & Day lo scorso mese di aprile nel quadro della campagna elettorale per le politiche di Bellinzona che hanno visto la mia elezione in Consiglio comunale. Lo spunto per riproporre questa...
Read More

Nuove vie per la guarigione grazie alla lettura (biblioterapia) e alla scrittura (scrittura creativa)

Intervista (luglio 2017) di Paola Bernasconi al Dr. med. Orlando Del Don, psicoanalista, psicoterapeuta, responsabile del Laboratorio di biblioterapia e della Scuola di scrittura creativa presso la My Way Services SA di Bellinzona I libri possono aiutare a guarire? I...
Read More

“Meno regole, meno burocrati, meno corruzione”

Riprendo di seguito una interessante pubblicazione di F. Giavazzi e G. Barbieri, edita da Longanesi, intitolata IL POTERE DI PERDERE TEMPO. In un commento acuto che accompagnava l’analisi e il giudizio critico di questa pubblicazione dal titolo MENO REGOLE, MENO...
Read More

My Way Services. Una scelta, una vocazione, un impegno per la vita … quella per i nostri pazienti e utenti.

Sempre più la psichiatra è messa alle strette. Le scienze della mente e la psichiatria stanno attraversando un momento difficile a causa dei cambiamenti in atto nella società e, in parte, anche a causa di scelte di politica sanitaria non propriamente lungimiranti (per...
Read More

Del Don su Ticino Libero: “Una crisi, se superata, può portare a nuovi orizzonti”

Del Don esorta a non avere paura. "Una crisi, se superata, può portare a nuovi orizzonti, essere una ricchezza. serve solo trovare qualcuno con cui parlarne senza timore" Sempre più giovani hanno problemi psichici, e molti temono il giudizio sociale rivolgendosi a...
Read More

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This