Le crociere di lusso non rieducano nessuno. Ma arricchiscono tanti…

Marco, un ragazzo sangallese di 14 anni, è stato “condannato” a una crociera di lusso sui mari dell’Atlantico, dal costo di 160mila franchi l’anno pagati dal contribuente, per partecipare a un programma di rieducazione nella società. Una decisione, quella dell’autorità tutoria, che ha scatenato un putiferio tra l’opinione pubblica.
Il Dottor Orlando Del Don, psicoanalista e deputato in Gran Consiglio, critica l’utilità di questi programmi rieducativi.


” Trovo sia una cosa a dir poco incredibile. Non capisco chi propone queste terapie di riabilitazione che nulla hanno a che vedere dal punto di vista educativo”.


Quindi ritiene che non serviranno nel percorso rieducativo del ragazzo?
Esattamente. Anzi, avranno l’effetto contrario. “Premiando”con una crociera il ragazzo rinforza il suo narcisismo e il suo egocentrismo, alimentando la sua dissocialità e facendogli credere che ha più diritti dei suoi coetanei. E questo trattamento rieducativo viene fatto in un contesto che non corrisponde alla realtà: appena ritornerà nel mondo reale, si ritroverà di nuovo escluso e saremo punto a capo.
Come bisogna intervenire quindi?
Duranti i colloqui con gli psicoterapeuti bisogna capire i traumi che lo fanno reagire in un determinato modo. Da lì cercare di far in modo che il ragazzo capisca cosa è successo e che riconquisti piano piano la fiducia persa. Ma in tutto questo non può mancare il senso di responsabilità e la coscienza che le piccole cose vanno conquistate, non si regalano. E’ un percorso lungo e progressivo, ma non esistono scorciatoie se si vuole davvero aiutare il ragazzo.
Cosa c’è sotto questi programmi riabilitativi?
A pensare male, un business lucrativo per certe associazioni. Non è il primo caso in Svizzera di programmi rieducativi alquanto discutibili, sia per le modalità che per i costi esorbitanti. Sono curioso di sapere se ci sono casi simili anche in Ticino. Ad ogni modo, questi trattamenti di lusso servono solo a dissanguare le finanze pubbliche, ma di sicuro non sono né riabilitativi né risocializzanti.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli del blog

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

Classe 1956, Medico, psicoterapeuta, docente, scrittore, editore. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This