A proposito del Male … quello radicale, diabolico, perverso!

Qualche giorno orsono avevo dato avvio ad una specie di esperimento con una rubrica dal titolo Apri-La-Mente, alla quale avevo apposto il sottotitolo … PENSA-CHE-TI-PASSA.

Beh, in quel mio primo intervento avevo affrontato in modo sintetico e aforismatico il tema dell’invidia. Avendo ricevuto diverse attestazioni che mi incoraggiavano a continuare nell’esperimento ho pensato di continuare con questa mia prova attraverso la quale offrire qualche elemento di riflessione sui temi cosiddetti scottanti che ci toccano tutti, per un verso o per l’altro … come attori o spettatori,  come protagonisti o testimoni, o magari anche come vittime o carnefici, soggetti attivi o passivi. Vedete voi. Ognuno ne faccia quello che meglio crede.

Ma che dire OGGI a proposito di MALE? Quello radicale, diabolico, perverso, apparentemente senza speranza, senza fine, senza fondo! Quel Male che comprende e va anche oltre i fenomeni tristemente conosciuti di fanatismo ideologico e di terrorismo.

Esiste un “Albero del male”? E su quale terreno si sviluppa? Di cosa si alimenta? Qual’è il suo fine, quali sono i suoi frutti? E, ancora, il Male (questo Male) esiste solo in quanto assenza di bene o è anche opposizione ad esso? E quale è  il suo rapporto con la pulsione di morte (Freud) se questa correlazione può essere fatta in modo lecito e pertinente?

La storia ci insegna che la linea che separa il Bene dal Male è sempre stata fragile, sfumata. Eppure chiunque incontri il Male lo riconosce SUBITO e sa che esso continua ad agire nei confronti dell’individuo, della vita sociale e della comunità costituita, attraverso la rottura dei legami.

Il momento in cui – con orrore – percepiamo tutto ciò e prendiamo le distanze da questo abisso che ci guarda e tenta di annientarci attirandoci a se come un “buco nero”, ecco, in quel  momento qualcosa si muove in noi. Solo allora siamo potenzialmente in grado di percepire – seppur in modo ancora indistinto – che nel momento in cui si è maggiormente intimoriti da ciò che della vita non comprendiamo (IL MALE), proprio in quel momento paradossalmente siamo più vicini a comprenderlo che in qualsiasi altro momento. Ma questo momento dura assai poco e il nostro orrore, la paura di vedere ciò che più ci turba, ci allontana da questa consapevolezza e ci spinge a cercare conforto altrove, lasciando cadere così questa forma di conoscenza e responsabilità soggettiva! E allora – parafrasando Herbert Spencer – in quel momento gli esseri umani si aggrappano ancora più disperatamente ai loro deliziosi tiranni e alle loro squisite sciocchezze finché la morte non li guarderà dritto negli occhi!

Così è, Signori, e poiché il Reale di questa Verità sembra inguardabile, inconoscibile, inavvicinabile … ecco che la nostra vita reale, la realtà quotidiana, è costituita per la maggior parte da immaginazione, fiction, sogno, illusione!

Dr. med. Orlando Del Don, medico, psicoanalista

PS: Per approfondimenti sul tema si veda il testo pubblicato dalle Edizioni Borla, Lo Sguardo del Male, di Lino Rossi e Orlando Del Don, pubblicato nel 2012

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui Social

Orlando Del Don

Orlando Del Don

Medico, Psicoanalista, Politico

 

Chi Sono

Classe 1956, psichiatra, psicoterapeuta, manager, docente, politico. Questo blog è il mio mezzo per parlare online di società, sanita, cultura, informazione, territorio e altro ancora.

Ultimi Post

Conferenza Stampa Flamingo Edizioni 2018

Siamo lieti di annunciare la terza Conferenza Stampa della Flamingo Edizioni in occasione della quale presenteremo le nostre novità...

Comunicato stampa – Dimissioni Orlando Del Don da Presidente della sezione del Bellinzonese

La Direttiva dell’UDC ha preso atto delle dimissioni di Orlando Del Don presidente della sezione UDC del Bellinzonese e lo ringrazia per l’ottimo...

Dimissioni da Presidente della Sezione Bellinzonese dell’UDC

A: Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino Stimato Presidente, Caro Piero con la presente ti inoltro ufficialmente le mie dimissioni da presidente...

Politica addio? Ragioni necessarie e sufficienti

La politica è sempre più tediosa e ininteressante, distante dalle priorità della gente. Questo è un dato di fatto. Le persone infatti sono sempre...

Le false verità

Si parla tanto, oggi, di "fake news", di false notizie, ma bisognerebbe temere molto di piu' le FALSE VERITA', LE "FAKE TRUTH". Cioe' il modo in cui...

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This